Plasmaferesi nel trattamento delle malattie epatiche croniche. Cirrosi

Attualmente il trattamento di scelta per l'insufficienza epatica critica è il trapianto di fegato. L'insufficienza epatica viene trattata in modo conservativo fino a quando non diventa disponibile un donatore di fegato corrispondente. Lo scambio di plasma terapeutico (TPE) svolge un ruolo importante come ponte verso il trapianto rimuovendo le tossine accumulate dal plasma del paziente, oltre a ripristinare il profilo di coagulazione.

Sulla base dei risultati del nostro studio, concludiamo che il TPE migliora i test di funzionalità epatica, profilo della coagulazione e sopravvivenza a breve termine in pazienti con malattie epatiche critiche, nonostante la persistente scarsa sopravvivenza globale. Quindi, Si raccomanda un uso giudizioso del TPE come terapia di supporto nell'esecuzione del trapianto di fegato in questi pazienti. Sono necessari studi di controllo randomizzati per stabilire ulteriormente il ruolo e gli effetti definitivi del TPE nel trattamento dei pazienti con insufficienza epatica.

così, il quadro dei disturbi dell'omeostasi, portando ad un aumento dei disturbi d'organo, sta diventando sempre più chiaro. I materiali presentati indicano una varietà di cause di danno epatico, ma
sono tutti meccanismi patogenetici associati associati
l'accumulo di una serie di prodotti tossici che danneggiano il
parenchima epatico. In questo caso, molte sostanze patologiche si accumulano, la dimensione delle molecole che non consente la loro escrezione da parte dei reni, mentre anche il fegato non è in grado di distruggerli.
D'altra parte, il fatto della loro accumulazione suggerisce che no
i farmaci possono aiutarli a lasciare il corpo.
Conclusione
Ad oggi, sono stati compiuti progressi significativi nel trattamento di
infezione virale, ma questi farmaci stessi non sono sicuri e non lo sono
sempre in grado di interrompere le patologie epatiche già esistenti che richiedono ancora l'uso della plasmaferesi
. Perciò, in tutto
questi casi, la plasmaferesi è un metodo patogeneticamente giustificato
di trattamento e prevenzione della progressione del danno epatico.
In tali casi, è sufficiente rimuovere fino a 1 litro di plasma
con la sostituzione di sole soluzioni cristalloidi per 4 tali sessioni di plasmaferesi, tenuto a giorni alterni, che può essere erogato anche in ambito ambulatoriale. Nel futuro, è necessario
ripetere regolarmente tali corsi fino a due volte all'anno. così, è
possibile interrompere efficacemente la progressione della malattia e
il passaggio allo sviluppo di danni irreversibili al fegato in
cirrosi e carcinoma epatocellulare. Ma anche di vasta portata
processi, la plasmaferesi può migliorare significativamente la condizione
dei pazienti.

categorie: Stem Cells terapia

NBScience

organizzazione di ricerca a contratto

terapia con cellule staminali