Alcune linee di cellule staminali possono contenere un virus endogeno o possono essere contaminati da virus esogeni (anche di origine animale) e possono secernere particelle virali o esprimere antigeni virali sulla loro superficie. inoltre, alcuni prodotti biotecnologici (es. siero fetale bovino, cellule feeder murine) può contenere particelle prioniche. contaminazione virale e prionica di colture cellulari e celle “feeder”, che è un rischio comune a tutti i prodotti biotecnologici derivati ​​da linee cellulari, è il risultato più impegnativo e potenzialmente grave per affrontare, a causa della difficoltà di rilevamento di virus e prioni e il potenziale di causare gravi malattie a destinatari di questi prodotti cellulari.

Staminali banche di cellule dovrebbero introdurre adeguati programmi di garanzia della qualità, come il programma di controllo microbiologico e possono fornire ai ricercatori un valido supporto nella standardizzazione e la sicurezza delle procedure e dei protocolli utilizzati per il test virale e prioni e nei programmi di validazione per assicurare la qualità e la sicurezza delle cellule.

Hai bisogno di essere sicuri che otterrete PURE cultura di cellule staminali.

e-mail: head_office@nbscience.com

Terapia cellule staminali

I nuovi trattamenti di terapia cellulare basata sul trapianto di cellule di origine umana hanno ancora problemi, come le difficoltà di coltura e differenziazione delle cellule, la possibilità di alterazioni cromosomiche e potenziale carcinogenicità. Di particolare importanza è la possibilità di trasmissione di malattie infettive ai destinatari tali prodotti cellulari. Qualsiasi contaminazione microbica dei prodotti biologici del donatore o introdotti durante il processo di fabbricazione può potenzialmente presentano un serio rischio per i riceventi, anche se non è un patogeno palese. I potenziali forme più comuni di contaminazione (es. batteri (includere micoplasma), lievito, fungo) può essere facilmente valutata su una base di routine (Farmacopea europea, 2004un, 2004B; Cobo et al., 2005). però, contaminazione virale di colture cellulari e cellule feeder, che è un rischio comune a tutti i prodotti biotecnologici derivati ​​da linee cellulari, è il risultato più impegnativo e potenzialmente grave per affrontare, a causa della difficoltà di rilevamento di virus e il potenziale di causare gravi malattie a destinatari di questi prodotti cellulari (Cobo et al., 2005).

Per garantire la fornitura di cellule e tessuti sicuri e affidabili per queste applicazioni, è necessario regolare l'approvvigionamento, in lavorazione, analisi, conservazione, stoccaggio e distribuzione di tutte le cellule che si applica nel corpo umano (La direttiva 2004/23 / CE). banche di cellule staminali devono garantire la qualità e la sicurezza di queste cellule, e questi scopi sono particolarmente importanti nella prevenzione di malattie trasmissibili come infezioni virali e prioni che sono difficili da diagnosticare. Questi stabilimenti dovrebbero introdurre adeguati programmi di garanzia della qualità, come il programma di controllo microbiologico. Nel rispetto, banche di cellule staminali accreditati in grado di fornire ai ricercatori un valido supporto nella standardizzazione e la sicurezza delle procedure e protocolli utilizzati per le prove virale e prioni e nei programmi di validazione per assicurare la qualità e la sicurezza delle cellule.

Questa recensione discuterà la metodologia che deve essere utilizzato nelle banche di cellule staminali al fine di assicurare la qualità dei prodotti cellulari e biotecnologici e di evitare la trasmissione di infezioni, in particolare quelli che coinvolgono particelle virali e prioni.

 

Alcune linee o colture cellulari possono contenere un virus endogeno o possono essere contaminati da virus esogeni, e possono secernere particelle virali o esprimere antigeni virali sulla loro superficie. inoltre, alcuni prodotti biotecnologici (es. siero fetale bovino) può contenere particelle prioniche. Le fonti primarie di potenziale contaminazione virale e prionica provengono da tessuti animali infetti utilizzati per preparare reagenti biologici e dei media, prodotti biologici da donatori (es. midollo osseo, preembryos) e contaminazione durante la manipolazione laboratorio. Inoltre, personale di laboratorio infetti possono causare la contaminazione delle linee di cellule staminali durante la manipolazione cultura.

 

 

 


NBScience

organizzazione di ricerca a contratto

terapia con cellule staminali