CHI osservazioni di apertura del direttore generale briefing missione su COVID-19 – 12 marzo 2020

Il secondo paziente è morto di coronavirus in Ucraina, malati altri sette - foto

12 marzo 2020
Quasi 125,000 casi sono stati ora segnalati all'OMS, a partire dal 118 Paesi e territori. Nelle ultime due settimane, il numero di casi segnalati di fuori della Cina è aumentato di quasi 13 volte, e il numero di paesi colpiti ha quasi tripled.The seconda ragione è che, nonostante i nostri avvertimenti frequenti, siamo profondamente preoccupati che alcuni paesi non si stiano avvicinando a questa minaccia con il livello di impegno politico necessario per controllarla. Vorrei essere chiaro: che descrive questo come una pandemia non significa che i paesi dovrebbero rinunciare. L'idea che i paesi dovrebbero passare dal contenimento alla mitigazione è sbagliato e pericoloso.

Anzi, dobbiamo raddoppiare.

Questa è una pandemia controllabile. I paesi che decidono di rinunciare a misure di sanità pubblica fondamentali possono finire con un problema più grande, e un onere più pesante per il sistema sanitario che richiede misure più severe per il controllo.

Tutti i paesi devono trovare un buon equilibrio tra protezione della salute, prevenire perturbazioni economiche e sociali, e rispetto dei diritti umani.

Sollecitiamo tutti i paesi ad adottare un approccio globale adeguato alle loro circostanze, con il contenimento come pilastro centrale.

Chiediamo ai paesi di adottare una strategia su quattro fronti:

Primo, preparare ed essere pronti.

Ci sono ancora 77 paesi e territori senza casi segnalati, e 55 paesi e territori che hanno segnalato 10 casi o meno.

E tutti i paesi con casi hanno aree non interessate. Hai l'opportunità di mantenerlo così. Prepara il tuo personale e le tue strutture sanitarie.

Secondo, individuare, prevenire e curare.

Non puoi combattere un virus se non sai dove si trova. Ciò significa una sorveglianza solida da trovare, isolato, testare e trattare ogni caso, rompere le catene di trasmissione.

Terzo, ridurre e sopprimere.

Per salvare vite umane dobbiamo ridurre la trasmissione. Ciò significa trovare e isolare il maggior numero possibile di casi, e mettere in quarantena i loro contatti più stretti. Anche se non è possibile interrompere la trasmissione, puoi rallentarlo e proteggere le strutture sanitarie, case per anziani e altre aree vitali, ma solo se si verificano tutti i casi sospetti.

E quarto, innovare e migliorare.

Questo è un nuovo virus e una nuova situazione. Stiamo tutti imparando e tutti dobbiamo trovare nuovi modi per prevenire le infezioni, salvare vite, e minimizzare l'impatto. Tutti i paesi hanno lezioni da condividere.

L'OMS lavora giorno e notte per supportare tutti i paesi.

Abbiamo spedito forniture di dispositivi di protezione individuale a 57 paesi, ci stiamo preparando a spedire oltre 28, e abbiamo spedito forniture di laboratorio a 120 paesi.

Abbiamo pubblicato una R&Tabella di marcia D., con una serie di protocolli di base su come dovrebbero essere condotti gli studi.

Abbiamo pubblicato un pacchetto completo di indicazioni tecniche.

Ne abbiamo avuto di più 176,000 enrollments in our COVID training courses on OpenWHO.

Stiamo collaborando con il World Economic Forum e le Camere di commercio internazionali per coinvolgere il settore privato. Stiamo anche lavorando con FIFA.

Stiamo lavorando con i nostri colleghi in tutto il sistema delle Nazioni Unite per supportare i paesi a sviluppare il loro piani di preparazione e risposta, secondo il 8 pilastri.

E più di 440 milioni di Stati Uniti. dollari è stato ora impegnato nel piano strategico di preparazione e risposta dell'OMS

Ringraziamo quei paesi che hanno contribuito, soprattutto quelli che hanno contribuito con fondi completamente flessibili. Perché questa è una situazione dinamica, abbiamo bisogno della massima flessibilità possibile per fornire il miglior supporto possibile. Nello spirito di solidarietà, chiediamo paesi non di stanziare fondi per questa risposta.

………….

WHO.int


NBScience

organizzazione di ricerca a contratto

terapia con cellule staminali