Le squadre della University of California – Los Angeles (UCLA) Scienze della salute , Stati Uniti d'America, per la prima volta sono stati in grado di girare

cellule staminali umane

in interneuroni sensoriali, responsabile per il senso del tatto. La tecnica, pubblicato Gennaio 11, 2018 in Stem Cell Reports, potrebbe essere diventare la base della terapia con cellule staminali, che contribuirà a ripristinare la sensibilità nei pazienti paralizzati.

La terapia cellule staminali

Proiezione The Future

 

interneuroni sensoriali, una classe di neuroni nel midollo spinale, sono responsabili per la trasmissione di un segnale che riceve dall'ambiente esterno e interno dei neuroni sensibili corpo. La violazione di questa funzione nelle persone paralizzate porta ad una mancanza di sensazioni tattili, così come insensibilità al dolore, che può essere la causa di ustioni e altre lesioni interne.

“Il campo ha per lungo tempo impegnata a rendere la gente cammina di nuovo,” – ha detto Samantha Butler, senior autore dello studio. “‘Far sentire ancora una volta non ha abbastanza lo stesso anello. Ma a camminare, è necessario essere in grado di sentire e di percepire il corpo nello spazio; i due processi davvero andare a doppio filo.”

In uno studio, pubblicato nel mese di settembre 2017 nella rivista eLife, Butler ed i suoi colleghi hanno determinato come i segnali provenienti da una famiglia di proteine ​​chiamate proteine ​​morfogenetiche ossee, o BMP, influenzare lo sviluppo di interneuroni sensoriali in embrioni di pollo. Nel nuovo lavoro, gli scienziati si applicano i risultati di cellule staminali umane in laboratorio.

Ricercatori hanno aggiunto una specifica proteina morfogenetica dell'osso BMP4, nonché una molecola segnale che aiuta a regolare la formazione di vari tipi di tessuti di un embrione in crescita chiamato acido retinoico, di cellule staminali embrionali umane.

Di conseguenza, le cellule differenziate in una miscela di due tipi di interneuroni sensoriali: DL1, che dare alla gente un senso di propriocezione in cui il loro corpo è nello spazio, e DL3, permettendo di sentire un senso di pressione.

I ricercatori hanno scoperto che una miscela identica di interneuroni sensoriali sviluppa aggiungendo le stesse molecole segnale di cellule staminali pluripotenti indotte (IPSC). Queste cellule sono creati da riprogrammare le cellule mature del paziente, ad esempio, per esempio, cellule della pelle.

Le cellule staminali IP

può evolvere in qualsiasi tipo di cellule del corpo, preservando il codice genetico della persona da cui sono stati ottenuti. La possibilità di creare interneuroni sensoriali in proprie cellule riprogrammate del paziente senza inibire il sistema immunitario può essere una vera e propria svolta nella terapia cellulare volto a ripristinare la sensibilità.

Butler spera che lei sarà in grado di creare una tecnica per l'ottenimento di un tipo di neurone alla volta, che semplificherà la definizione delle funzioni di ogni tipo di cellula e consentirà l'uso clinico di interneuroni per iniziare a trattare paralitici. però, il suo team di ricerca non è ancora riuscita a determinare come rendere le cellule staminali producono cellule del tutto DL1 o interamente DL3. Forse, in questo processo è coinvolto un altro percorso del segnale, ha osservato.

Ricercatori anche non hanno ancora determinato il rapporto specifico di fattori di crescita che stimolano cellule staminali di differenziarsi in altri tipi di interneuroni sensoriali.

In questa fase del lavoro, il gruppo UCLA impianta interneuroni DL1 e DL3 nel midollo spinale di topi per determinare se le cellule sono integrati nel sistema nervoso e diventano completamente funzionale. Questo è un passo importante nel determinare il potenziale clinico delle cellule.

terapia con cellule staminali